• come utilizzare l’home staging per trasformare un appartamento in città in una perfetta casa vacanza

    Date: 2015.03.11 | Category: Habemus Casa, Staged Homes | Tags:

    scritto da: associazione italiana home stager (collaboratore di idealista news)

    a volte bastano pochi e semplici ritocchi per sfruttare tutte le potenzialità di un appartamento in disuso, trasformandolo in una struttura micro ricettiva e in una fonte di ingresso. è quello che ci dimostrano le nostre collaboratrici dell’associazione italiana home stager

    vi raccontiamo la storia di un progetto di staging allo stato puro – semplici ritocchi, senza la necessità per interventi di ristrutturazione- al fine di trasformare un appartamento in zona brera a milano in una struttura micro-ricettiva vincente. la responsabile del progetto è francesca bartolomeo, stager di staged homes, in collaborazione con francesca poggi, referente regionale per la lombardia di staged homes, e melania cinzia zan

    la sintesi dell’incarico:

    • appartamento da trasformare in casa vacanze.
    • palazzo signorile in zona brera a milano
    • appartamento di circa 80 mq composto da 2 stanze, zona living, cucina e bagno in ottime condizioni
    • costo complessivo del progetto circa €3.600,00 ( progettazione, servizio fotografico, attrezzature per la casa)
    • tempo di realizzazione 15 gg (1 dic. – 15 dic.)
    • la biancheria da letto e da bagno scelta è rigorosamente italiana di qualità medio alta. 

    gli interventi effettuati sono stati semplici ma estremamente efficaci. il colore, come spesso nei nostri interventi, ha avuto un ruolo fondamentale. sono stati creati contrasti per regalare profondità agli spazi, e il giusto equilibrio tra angoli vuoti e scenette create al fine di stimolare l’immaginazione degli ospiti

    homestaging1
    homestaging2

    2 ore dopo la fine dell’intervento di staging è arrivato il primo ospite mandato dalla proprietaria dell’appartamento ed è rimasto felicemente colpito e soddisfatto. il target a cui si mirava comprende architetti, designers, professionisti delle comunicazioni ed è stato colpito in pieno: hanno risposto principalmente architetti canadesi, australiani e americani

    la proprietaria, dopo soli 2 giorni, ha dovuto rifiutare 6 richieste. la prima richiesta che ha dovuto respingere, diceva: “è bellissimo, è mio, lo voglio!”

    ma c’è di più: sfruttando l’onda del salone del mobile, ha potuto aumentare i prezzi del triplo. un cliente canadese le ha chiesto perché avesse alzato così tanto i prezzi, lei ha gestito la contestazione spiegando il valore del salone del mobile. il cliente non solo ha preso l’appartamento ma si è messo d’accordo con francesca per incontrare un suo amico esperto di design del politecnico di milano per stringere un accordo tra l’università canadese e il politecnico di milano. un’altra cliente, australiana, appassionata di cibo, sarà invece messa in contatto con un esportatore di vino. da cosa nasce cosa

    e ancora: dopo l’onda del salone, e dell’expo, saranno queste strutture curate nel minimo dettaglio, che sopravviveranno a un probabile crollo post-expo

    per informazioni sullo staging, o per essere messi in contatto con uno stager certificato, contattate info@stagedhomes.it